Talent

“Alcuni autori la chiamano “volonta’ intelligente”, altri la denominano “principio guida interiore”, oppure la riconducono al concetto di centro-se’ o di intelligenza innata o toti-potente.

In molte culture era il demone o il genio ispiratore, per le religioni e’ lo spirito, l’anima o l’angelo custode…si tratta di una capacita’ auto-trasformatrice in grado di rigenerarsi e di guidarci attimo per attimo. E’ qualcosa, in ciascuno di noi, che da’ l’impronta, che fa venire a galla un’indole ben precisa, che plasma il corpo e il carattere, che ci fa fare un certo tipo di scelte. Si tratta del TALENTO, una sostanza che circola dentro ognuno di noi e che troppe volte ignoriamo di possedere. Peggio ancora, che molte volte ostacoliamo. Un po’ come se ci mettessimo in mente di impedire al sangue di circolare e a una pianta di fiorire….Molti autori si riferiscono al talento come a “una conditio sine qua non” della vita. Tra gli altri, C.J.Jung, che scrive “In ultima analisi noi contiamo qualcosa solo in virtu’ dell’essenza che incarniamo e, se non la realizziamo, la vita e’ sprecata. La moderna neurofisiologia tende a identificare nel cervello antico la zona in cui viene secreta la “sostanza del talento”, dove una scintilla si accende quando la creativita’ trova spazio” (tratto da V. Caprioglio “ Vivere di Luce propria” pubblicato in “Il talento di Raffaele Morelli, 2013, p.47).

Personalmente sono propensa a credere che sia la nostra ricerca del se’ che ci mette pian piano in contatto con la nostra essenza divina e consente di esprimere quanto di piu’ autentico ed esclusivo abbiamo di noi : il TALENTO.

Pin It